I sentieri

SPLENDIDE E RILASSANTI PASSEGGIATE A BREONIO

Nel vostro tranquillo soggiorno potete godere di numerosi percorsi naturalistici di facile e media difficoltà da fare a piedi o se preferite in mountain bike, per immergervi a pieno nel ritmo agreste montano di Breonio.

Dai nostri sentieri è inoltre possibile intraprendere i ben più ampi tracciati sentieristici del CAI che scendono fino in Val d'Adige, da Breonio a Peri, oppure da Paroletto a Dolcè e poi ancora i percorsi che portano a visitare la splendida zona Sic del Monte Pastello, ricca di specie botaniche e di vegetazione submediterranea, passando per la contrada Forte Masua con la possibilità di proseguire poi fino al fondovalle lungo i versanti orientale ed occidentale.

Da non dimenticare inoltre che Breonio è la porta della Lessinia per chi proviene da Verona Nord e dalla zona del Lago di Garda, quindi vi consigliamo anche le relative innumerevoli possibilità di escursione a piedi o a cavallo.

Qui di seguito indicati i tre anelli sentieristici inaugurati nel 2001 grazie all'impegno profuso dai volontari della Pro Loco di Breonio e con l'aiuto e la collaborazione del Comune di Fumane.


Da gennaio 2015 tutti i sei tracciati dei sentieri che circondano Breonio sono resi disponibili sulla piattaforma GPSies

visitate il sito http://www.gpsies.com/ e cercate "Breonio" o "Fumane"

opure

scaricate le app per i vostri smartphone che vi permetteranno anche di salvare in locale i tracciati nei vari formati gps o kml

 

 

Sentiero Azzurro:

Breonio, M. Crocetta, Paroletto

>>consulta il tracciato<<

Lunghezza approssimativa: 5,6 km

Dislivello: 280 m

Tempi di percorrenza a passeggio: 2 ore circa

 

E’ il percorso panoramico per eccellenza tra i sei itinerari proposti.

La partenza è a Nord del paese in direzione Nord-Ovest. La salita verso il Monte Crocetta prima e sul Monte Pastelletto poi permettono di godere di uno splendido panorama a 360 gradi che comprende la catena del Monte Baldo con la Val d’Adige a Nord Ovest, la Lessinia occidentale con molte delle sue località e le cime del Corno d’Aqilio e del Corno Mozzo in direzione Nord - Nord Est, per terminare a Sud con il Lago di Garda e la Pianura Padana a far da sfondo nelle giornate più limpide. Il percorso presenta difficoltà medio-bassa ed offre diverse opportunità, dalla passeggiata panoramica di mezz’ora che aggira semplicemente il Monte Crocetta fino alla possibilità di proseguire, in località Paroletto, alla volta del Monte Pastello o di scendere fino in Val d’Adige seguendo il segnavia CAI num 237.

 

 

Sentiero Rosso:

Breonio, Scariotti, Molina, Gorgusello

>>consulta il tracciato<<

Lunghezza approssimativa: 6,3 km

Dislivello: 300 m

Tempi di percorrenza a passeggio: 2,5 ore circa

 

Dopo aver parcheggiato sul piazzale della Chiesa Parrocchiale di Breonio si parte in direzione Sud-Ovest uscendo dal paese alla volta di località Camporiondo lungo una stradina ampia e pianeggiante che si addentra in ombrosi boschi di noccioli, carpini, pini e querce intervallati da prati erbosi, splendidi balconi affacciati sulla Val Sorda e sulla retrostante Lessinia occidentale.

Il sentiero è ben segnato e vi porterà fino a Molina, passando prima da località Scariotti. Le bellezze del paesino, col parco delle Cascate, le corti in pietra, i mulini coi corsi d’acqua e la malga vi faranno fare un salto nel passato. Il ritorno verso Breonio presenta una difficoltà media essenzialmente dovuta alla salita da intraprendere fino ad arrivare al borgo medievale di Gorgusello che ancora conserva tutti i tratti distintivi dell’architettura in pietra tipica della Lessinia.

 

 

Sentiero Verde:

“i Masi de Sora” o detto “delle sette contrade”

>>consulta il tracciato<<

Lunghezza approssimativa: 8 km

Dislivello: 350 m

Tempo di percorrenza a passeggio: 3 ore circa

 

Il tracciato si snoda a Nord di Breonio ed intraprende un primo tratto comune col sentiero Fasoli o delle “Cascate di Breonio”. Presenta difficoltà media, con tratti in discesa ed in salita. Il punto panoramico del “Dos Biòtto” vi permetterà di conoscere il nome delle cime montuose che vi circonderanno. Dopo la prima discesa lungo l’ampia stradina immersa nel bosco potrete far visita a località amene nel comune di Sant’Anna d’Alfaedo come Casarole, Semalo Caldo e Freddo, Paraiso, Campan, con edifici in pietra, alcuni dei quali tutt’ora abitati o frutto di recenti e sapienti lavori di recupero e restauro ad opera di privati. Un percorso suggestivo e di difficoltà medio-bassa, adatto a gruppi o famiglie, che permette diverse varianti, dalle più brevi che vi faranno rientrare a Breonio in un’oretta circa, alle più lunghe che vi porteranno fino a località Michelazzi e quindi Fosse lungo il tracciato CAI 240.

 

 

Sentiero Blu:

Paroletto, Rovinal, Forte Masua, Monte Pastello

>>consulta il tracciato<<

Lunghezza approssimativa: 5 km

Dislivello: 330 m

Tempo di percorrenza a passeggio (da località Paroletto): 2 ore

 

La zona SIC del Monte Pastello, Sito di Interesse Comunitario, è forse una tra le più interessanti sotto il profilo naturalistico e paesaggistico. Gode di protezione in quanto area di importanza strategica per la conservazione degli habitat naturali della flora e della fauna selvatiche. Il percorso è facile e non presenta difficoltà. Degni di nota i panorami mozzafiato che vi accompagneranno lungo tutta la salita, indipendentemente che decidiate di intraprendere l’itinerario da Sud, provenendo dai paesi di Cavalo (nel comune di Fumane) e di Monte (S. Ambrogiodi Valpolicella), oppure da Nord, provenendo da Breonio. Le alternative per la partenza sono molte. Potrete iniziare direttamente da Breonio percorrendo la prima parte del sentiero azzurro per poi dirigervi, da località Paroletto, alla volta delle contrade Rovinal, Forte Masua e Molane, oppure potrete scegliere di partire direttamente da Paroletto o addirittura da località Molane, subito ai piedi del Monte Pastello. L’intera area è profondamente integrata tra gli snodi dei tracciati CAI 236, che scende fino a Dolcé in Val d’Adige, 240 che percorre tutta la dorsale e vi porterà fino a Monte e Sant’Ambrogio di Valpolicella, oppure i 232 e 238 che salgono dalla Valle di Fumane o da Monte di Sant’Ambrogio rispettivamente. Interessante la salita dal lato Nord-Est, partendo da Molane, sul cui intero trcciato si potranno ammirare delle installazioni in pietra ispirate alla Via Crucis, di recente istituzione, e che accompagneranno il pellegrino fin sulla sommità, al cospetto di una grande croce metallica.

 

 

Sentiero Ciclamino

Sentiero Enrico Fasoli

Cascate del Paraiso

>>consulta il tracciato<<

Lunghezza approssimativa: 6 km

Dislivello: 600 m

Tempo di percorrenza a passeggio: 3,5 ore

 

Un percorso ad anello che si snoda a Nord di Breonio, quasi interamente affacciato sulla Valle dell’Adige e sulla catena del Monte Baldo. Di una bellezza ancora selvaggia ed affascinante. Il tragitto presenta difficoltà media per impegno fisico, tuttavia richiede un elevato grado di attenzione nei tratti ripidi ed attrezzati. Non è adatto ad escursionisti improvvisati, bambini o gruppi numerosi; gli animali al seguito devono essere tenuti al guinzaglio. Nel periodo invernale serve estrema cautela per la formazione di ghiaccio in alcuni tratti o per la persistenza del manto nevoso in zone rivolte verso Nord. Il percorso, recentemente ripristinato, ricalca gli antichi passaggi del contrabbando verso il fondovalle e può essere intrapreso sia in senso orario, partendo dalle pendici del Monte Crocetta e seguendo il tratto iniziale del tracciato CAI 252 che va verso Peri, sia in senso antiorario, uscendo quindi dal centro storico di Breonio in direzione Nord-Est e costeggiando il Vajo di Casarole. In questi luoghi quieti e densi di fascino, seguendo il percorso dell’acqua che scende a valle, potrete giungere ai piedi della “Cascata di Adamo”, “di Eva”, “del Seprente” o “Dell’Angelo”... solo i più attenti o intraprendenti invece scopriranno inoltre l’esistenza di una quinta, piccola, splendida, misteriosa cascata nascosta.

 

 

Sentiero Giallo:

Gorgusello, “Colaré”, Molina, “La Sorte”

>>consulta il tracciato<<

Lunghezza approssimativa: 7 km

Dislivello: 300 m

Tempo di percorrenza a passeggio: 2,5 ore circa

 

E’ il tracciato di più recente istituzione, frutto del recupero di due vecchi itinerari intrapresi dalle popolazioni di Gorgusello e Molina per raggiungere i rispettivi paesi. Posto interamente a solatio consente una dolce discesa tra i prati ad Est di Gorgusello, in località detta “Colaré”, fino all’abitato di Val Cesara, vicino a Molina. Il passeggiatore potrà poi decidere se concludere il tracciato giallo ritornando verso Gorgusello seguendo il sentiero detto “La Sorte” che sale tra boschi di latifoglie e frutteti di recente piantumazione, oppure proseguire lungo la strada asfaltata di Località “Le Sponde” per raggiungere Molina e da qui intraprendere il sentiero Rosso precedentemente descritto. Tragitto di facile percorrenza, adatto a tutti. La difficoltà è essenzialmente dovuta al dislivelo da superare nel percorso che unisce i centri abitati di Molina e Gorgusello. Particolarmente suggestivo è il tratto del tracciato che si snoda a Sud, tra Val Cesara e Molina, nel periodo primaverile, proprio in occasione della fioritura dei ciliegi.

 

Cosa dicono gli altri siti di noi?...

www.magicoveneto.it